DIALETTIAMOCI: “Nemici come prima” fa registrare ancora un tutto esaurito

DSC_0040Sabato 1 novembre, alle 21.15, al teatro comunale di Caldarola, è andata in scena la commedia “Nemici come prima” di Gianni Clementi, tradotta in dialetto maceratese da Quinto Romagnoli, che ne curava anche la regia, presentata dal CTR Macerata e da La Fabbrica dei Sogni di Tolentino. Seconda opera in cartellone che ha fatto registrare un altro tutto esaurito con un pubblico attento e partecipe. Cinque gli attori in scena che si sono mossi con maestria e sapienza per raccontare una storia dai tratti comico-brillanti, ma anche in grado di far riflettere e pervasa da qualche elemento di tragicità. Gianni Clementi, autore molto rappresentato in tutt’Italia, e per questa occasione “tradotto” in dialetto maceratese da Quinto Romagnoli, non ha deluso le aspettative, anzi ha calamitato l’attenzione degli spettatori di Caldarola. “Una serata piacevolissima, ricca di presenze – commenta Roberto Paoloni, sindaco di Belforte del Chienti – con un pubblico coinvolto e divertito. Dopo la serata del debutto, anche la seconda opera in cartellone ha mantenuto fede alle aspettative, confermando la bontà della rassegna”. La rassegna, organizzata dalla Compagnia Fabiano Valenti è sostenuta dalla Regione Marche, dai 5Comuni (Belforte del Chienti, Camporotondo di Fiastrone, Caldarola, Cessapalombo e Serrapetrona), dalla Comunità Montana dei Monti Azzurri e dagli sponsor Oro della Terra, Infissi Design, Libreria Del Monte e Albani Divani e Poltrone. Ha il patrocinio delle due università di Camerino e Macerata e della UILT (Unione Italiana Libero Teatro). Prossimo sabato in scena la compagnia “NOI DEL TEATRINO” di Camporotondo di Fiastrone che presenterà la commedia LA TOCCATELLA di Eriodante Domizioli. Biglietti a 5 €; apertura della biglietteria alle 19.

Contenuto inserito il 03/11/2014

Informazioni

Nome della tabella
Autore Ufficio Stampa Compagnia Valenti

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità